QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 2° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
giovedì 22 febbraio 2018

Attualità venerdì 19 gennaio 2018 ore 07:00

Widiba, bonifici che non partono e non arrivano

Due utenti segnalano che il servizio online di Monte dei Paschi è poco efficiente. Disposizioni che non partono e soldi accreditati in ritardo



PISA — Widiba è una piattaforma online con una rete di consulenti finanziari presenti su tutto il territorio. A Widiba si appoggia Monte dei Paschi di Siena che vi ha fatto migrare diversi utenti, a quanto si apprende quelli che maggiormente usufruivano dell'home banking. 

Alla nostra redazione sono giunte le lamentele di due utenti che hanno riscontrato problemi sia per effettuare bonifici che per riceverli.

Ecco le loro testimonianze: "Mi è stato fatto un bonifico il 29 dicembre - ha spiegato una ragazza pisana - non avendolo ancora ricevuto il 4 gennaio ho contattato il servizio clienti Widiba. L'operatrice mi ha risposto che i tempi di ricezione e invio dei bonifici risultano essere più lunghi rispetto a quelli della Monte dei Paschi e che i tecnici sono al lavoro per risolvere questa discrepanza. All'operatrice ho quindi chiesto quanti giorni dovrò ancora attendere per la ricezione del bonifico e lei mi ha risposto: "Le sarà accreditato il prima possibile"..... direi risposta un po' troppo vaga da parte di una banca". Per la cronaca il bonifico in questione è stato poi accreditato l'8 gennaio, dieci giorni dopo

Un'altra persona, un titolare di un'impresa individuale ha invece raccontato i suoi ritardi nei pagamenti, che gli sono costati "un danno d'immagine all'azienda" come ha lui stesso spiegato.

"Sono un ex cliente Mps Agenzia .... migrato con forzatura a Widiba - ha spiegato l'imprenditore - dal giorno 28 dicembre 2017, mi sono recato alla mia ex Banca M.P. Siena, agenzia di ...., per prenotare e pagare le Ri.Ba come ho fatto da sempre, con scadenza 31 dicembre".

"Ciò non è stato possibile - ha specificato l'imprenditore - mi è stato riferito che dovevo effettuare l’operazione sul portale Widiba, oppure pagare una commissione di 3,50 euro ad ogni effetto se la Banca M.P.S. avesse proceduto al effettuare allo sportello l’operazione. Per prima cosa ho già pagato in precedenza le spese delle Ri.Ba alle Ditte Emittrici, pertanto ho ritenuto un abuso la loro richiesta di 3,50 euro ad operazione. Ho creduto di provvedere al pagamento delle Ri.Ba sul portale Widiba, ma con grande delusione, fino ad oggi non sono riuscito a pagarle perché il servizio online non mi abilità “Autorizza” al pagamento, dopo aver telefonato molte volte al servizio di assistenza Widiba per chiarimenti e soluzioni, ciò non è stato possibile a risolvere l’inconveniente".

"Gli operatori del servizio Widiba anche con la loro cortesia, disponibilità - ha detto ancora l'imprenditore - ma non sono in grado e non hanno il titolo di fare nessun tipo di operazione per poter risolvere la problematica di un cliente. La procedura è che devi fare un email di problematica in modo che l’ufficio competente ti chiami, e cosi ho eseguito le Loro indicazioni inviando un email il giorno 28-12-2017 e il giorno 31-12-2017. Fino ad oggi 31-12-2017 non ho ricevuto nessuna chiamata e non c’è stata nessuna possibilità di accesso al pagamento".

"Ho dovuto provvedere facendo un Bonifico online, le Ri.Ba sono scadute e sono ritornate insolute al mittente, creandomi un disagio sia di Immagine per la mia Azienda e sia economico perché ho speso per fare dei bonifici".

Questi fatti, relativi al periodo a cavallo tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018, non hanno avuto soluzione neanche il 18 gennaio: "Non si è risolto niente riguardo alle Ri.ba, continuano a tornare indietro. Ho dovuto pagare con dei bonifici e in ritardo, così lo scorso mese e così farò i prossimi. Per due-tre mesi dovrò fare così, perché queste Ri.ba sono già state emesse e fino a che non sono terminate non posso pagarle in altro modo". 

L'imprenditore ha voluto rimarcare ancora una volta i problemi con l'assistenza telefonica: "Dal numero verde non sanno dare risposte né assistenze. Devono inviare segnalazione a un ufficio competente ma da quell'ufficio non è mai arrivata nessuna comunicazione".

L'imprenditore ha concluso spiegando di aver già predisposto un conto in un altra banca  e di aver provato a risolvere la situazione "cambiando conto da Widiba a un altro conto Mps". "Mi è stato risposto che si può fare ma non posso tornare alle mie condizioni precedenti, prima della migratura forzata".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca