QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 14° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
lunedì 22 gennaio 2018

Economia lunedì 18 dicembre 2017 ore 13:53

Il Tesoro propone Bariatti per Mps

L'avvocatessa Stefania Bariatti è la candidata del Ministero dell'Economia alla presidenza del Monte dei Paschi. Assemblea dei soci per il nuovo cda



SIENA — Dopo la decisione del presidente uscente di Mps Alessandro Falciai di ritirare la sua ricandidatura alla guida del nuovo consiglio di amministrazione che dovrà essere eletto oggi dall'assemblea dei soci, il ministero del Tesoro ha proposto per la presidenza  l'avvocatessa Stefania Bariatti, legale dello studio Chimenti e docente di diritto internazionale all'Università Statale di Milano.

Bariatti era già presente nel cda della banca senese e già inserita nell'elenco dei candidati del Tesoro per il nuovo cda.

Falciai si è riirato perchè indagato in un'inchiesta della procura di Savona su un cantiere nautico pisano di sua proprietà.

Dopo l'ingresso dello Stato in Mps, le quote azionarie dell'istituto sono così ripartite: 68,2 per cento in carico al Ministero dell'Economia, 4,3 per cento alle Assicurazioni Generali e il 3,1 a Mps.

"La banca è in sicurezza - ha dichiarato Falciai in apertura dell'assemblea - L'assemblea di oggi chiude un periodo di incertezza. Quella di lasciare il cda è una mia scelta, del tutto autonoma".

L'amministratore delegato Marco Morelli ha comunque sottolineato che il "percorso di recupero dei ricavi e della redditività durerà tantissimo tempo" paragonandolo alla Prima Guerra Mondiale. "Si sposta il sacco di pochi metri in avanti e poi magari si torna indietro". "Le cose non cambiano in due mesi - ha detto ancora Morelli - Se qualcuno crede che il recupero della banca sia veloce, che nel giro di pochi mesi riesce ad arrivare alla posizione o a ripristinare la posizione di anni fa sbaglia. Ci aspetta un futuro di grossissima fatica ma abbiamo ben chiaro che, nonostante le circostanze siano complicate, abbiamo fatto uno sforzo e un lavoro per portare Mps in una situazione diversa dalle altre banche, nella condizione di poter ricamminare e riprendere a lavorare".

Per quanto riguarda eventuali azioni contro i vecchi amministratore della banca senese, Morelli ha dichiarato che il nuovo cda "valuterà qualunque evento in termini di responsabilità di chi c'era prima" ma al tempo stesso "è ovvio che ci devono essere evidenze chiare, sennò si rischia di mettere a repentaglio il patrimonio della banca".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica