QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 17°26° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
lunedì 23 luglio 2018

Attualità giovedì 21 giugno 2018 ore 16:24

"Si conclude la procedura di aumento di capitale"

A spiegare il passaggio di questo atto è l'amministratore delegato Marco Mairaghi che guarda già alla seconda tranche dell'operazione



SIENA — Il Consiglio di Amministrazione di Sei Toscana, riunitosi ieri, al fine di chiudere la procedura relativa alla prima tranche di aumento di capitale, ha approvato la procedura di vendita delle quote non versate invitando i soci industriali che avevano manifestato offerta, ovvero Cooplat, Ecolat, Sta e Revet, a procedere in tal senso.

“La delibera del Cda di ieri rappresenta un passaggio molto importante per la società – ha commentato l’amministratore delegato, Marco Mairaghi –. Con questo atto infatti si conclude finalmente la procedura di aumento di capitale da 12 milioni di euro avviata lo scorso anno che consente di poter procedere al richiamo della seconda tranche di aumento di capitale, da 18 milioni, prevista entro settembre prossimo. Proprio questo secondo aumento di capitale, già deliberato dagli organi, sarà l’occasione per rideterminare ruoli e rappresentanze all’interno della società. Tutti ci auspichiamo che Sei Toscana torni ad essere a maggioranza pubblica, anche se so bene che non spetta né all’amministratore delegato, né al Cda, né all’Ato esprimersi sull’assetto societario. L’unico obiettivo della società, e del suo management, è quello di garantire, grazie al lavoro quotidiano di tutti i suoi dipendenti, un servizio il più possibile efficace ed efficiente, rispondente alle esigenze dei cittadini e delle imprese economiche del territorio. Su questo è necessario concentrare tutte le energie e le risorse, mettendo da parte polemiche che non fanno altro che arrecare un danno, non solo di immagine, alla società e a tutti i suoi lavoratori”. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità