QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
mercoledì 20 novembre 2019

Cronaca sabato 13 agosto 2016 ore 10:22

Chiusa l'inchiesta della "banda del 5 per cento"

L'unico filone dell’inchiesta Mps rimasta a Siena si è chiusa con 13 avvisi di garanzia con l'accusa di associazione a delinquere transnazionale



SIENA — L'ipotesi d’accusa è stata contestata a Gian Luca Baldassarri, ex capo area finanza di Mps, e ad altre 12 persone per aver commesso delitti di truffa aggravata in danno del patrimonio dell’istituto di credito Banca Monte dei Paschi di Siena.

Questa la notifica che porta a conclusione le indagini da dove è emerso che Baldassarri oltre che con il gruppo Enigma, avrebbe fatto ‘affari’ anche con altri due broker, titolari del Gruppo elvetico Lambda Securities. 

Numerose sarebbero state le rogatorie internazionali (in Lussemburgo, San Marino, Singapore, Gran Bretagna e Svizzera) che i pm senesi hanno dovuto chiedere. 

Ed è stato attraverso questi documenti, sequestrati durante ripetute perquisizioni a Rocca Salimbeni, che la procura è arrivata a ipotizzare la presenza di due associazioni per delinquere transnazionali, entrambe partecipate da personale ‘infedele’ dell’istituto senese.

In concreto, nel periodo a cavallo tra il 2008 e il 2009, quando cioè Mps era impegnata nell'operazione di acquisizione di banca Antonveneta, gli indagati “scaturivano da operazioni in derivati su corporate bonds”. 

La seconda associazione per delinquere prevedeva la partecipazione del broker elvetico che indirizzava la banca senese in operazioni in equity concluse con Credit Agricole Luxemburg tra il 2005 e il 2009 quando Mps avrebbe negoziato 40 operazioni per un ammontare pari a 2.897 milioni di euro con un danno per l’istituto di Rocca Salimbeni pari a 4,5 milioni di euro. 

Gli avvisi di garanzia sono stati notificati anche ad altri dipendenti Mps a Londra,  come Alessandro Toccafondi, all’epoca vice di Baldassarri in Mps, ad Antonio Pantalena, Pompeo Michele Fabio Pontone, Giorgio Filippetto e Italia Sinopoli. 



Tag

Trenta e la casa da ministra: «Mio marito rinuncia all'alloggio, lasceremo nel tempo per fare il trasloco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità