comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:SIENA11°17°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
sabato 24 ottobre 2020
corriere tv
«L'Aria che Tira» non va in onda, l'annuncio di Myrta Merlino: «Sto bene, ho fatto il tampone»

Cronaca sabato 09 aprile 2016 ore 21:05

Manodopera in nero in una nota azienda

Utilizzavano 20 lavoratori extracomunitari assunti a nero per impiantare viti nel vigneto di una nota azienda nel comune di Castelnuovo Berardenga



CASTELNUOVO BERARDENGA — Alcune dei lavoratori non erano nemmeno regolari sul territorio nazionale, i carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro di Siena e quelli della stazione di Castelnuovo Berardenga sono riusciti a risalire a questa verità dopo una breve ispezione nella nota azienda vitivinicola.

Lavorando a nero i lavoratori venivano pagati soltanto 5 euro l’ora, senza contributi assicurativi e previdenziali. 

I militari dell’Arma hanno fatto accesso al podere da più direzioni, in maniera da contenere il rischio di fughe e hanno identificato tutti coloro che erano impegnati nei lavori agricoli.

Si trattava di cittadini pakistani e di qualche marocchino. Le successive verifiche hanno consentito di accertare che tre di essi risultavano essere totalmente clandestini in Italia e saranno denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena per questo motivo.

Il legale rappresentante della società è pakistano con sede a Prato che porta il suo nome. 

Ad emergere anche di sfruttamento della clandestinità dei tre immigrati che lavoravano per quella società. Vi è poi un’ipotesi di violazione delle norme statuite dal testo unico della sicurezza sui luoghi di lavori, la mancata effettuazione delle visite mediche propedeutiche all’assunzione e all’impiego effettivo.

Per tale inosservanza della legge, il datore di lavoro dovrà pagare una sanzione pecuniaria di circa ventiduemila euro.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità