comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 14°27° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
martedì 07 luglio 2020
corriere tv
Le farmacie e il calo delle vendite delle mascherine: «Colpa anche del caldo»

Attualità giovedì 25 giugno 2020 ore 12:31

Covid e turismo, nelle città d’arte c’è chi chiude

ponte vecchio

Per Confesercenti Toscana il 15,7 per cento delle strutture ricettive ha deciso di non aprire in estate. Firenze fa i conti con l’assenza di stranieri



FIRENZE — Protocolli sanitari da applicare contro il Covid, rischio di mancato rientro nei costi e emorragia di turisti, soprattutto stranieri. Una miscela considerata letale da molti gestori di strutture ricettive che hanno deciso di fare passo per l’estate 2020. Secondo le stime di Confesercenti Toscana, che ha raccolto le informazioni di 560 imprenditori della ricettività, nelle sole città d’arte toscane si registra il 15,7 per cento di scelte di chiusura durante la stagione estiva. A fare peggio sono solo le località di montagna dove a non riaprire è il 20,8 per cento. 

A pesare sulle città d’arte, Firenze in testa, c’è l’assenza dei turisti stranieri che di questi tempi riempiono strade, musei e ponti sfidando sole e caldo: le stime di Confesercenti parlano di un -43,8 per cento di presenze straniere e di un -8,4 per cento di italiani. Il comparto alberghiero è quello che soffre di più (-31,2 per cento) ma anche quello extraalberghiero non sta bene (-23 per cento).



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità