Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:SIENA20°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità sabato 18 settembre 2021 ore 12:45

Al via la terza dose per oltre 2mila fragili

I pazienti dell'Azienda ospedaliero - universitaria Senese saranno contattati direttamente dai professionisti dell’ospedale



SIENA — L’Azienda ospedaliero-universitaria Senese impegnata in prima linea per la somministrazione della terza dose del vaccino contro il Covid-19 per circa 2mila pazienti fragili. 

L’ospedale Santa Maria alle Scotte, in quanto centro di alta specializzazione, ha immediatamente risposto alle indicazioni della Regione Toscana che, nei giorni scorsi, ha inviato una comunicazione a tutte le aziende sanitarie per organizzare velocemente la nuova somministrazione, partendo proprio dalle categorie più fragili che comprendono principalmente pazienti trapiantati o in attesa di trapianto, oncologici, immunodepressi, dializzati e con insufficienza renale e altre categorie con problemi di salute importanti. I pazienti saranno chiamati direttamente dai professionisti dell’ospedale Santa Maria alle Scotte per concordare giorno e ora della vaccinazione.

"Andiamo incontro ad una nuova fase della campagna vaccinale e faremo la nostra parte – commenta Antonio Barretta, direttore generale Aou Senese –. Si tratta sicuramente di un nuovo impegno per i nostri professionisti. L’obiettivo comune è la tutela della salute, partendo proprio dai pazienti più fragili. Abbiamo già predisposto un iter dedicato a questi pazienti che saranno chiamati direttamente dagli specialisti per recarsi nell’area del Centro Trasfusionale, dove saranno effettuati circa 170 vaccini al giorno, dalle 14 alle 20, quando il centro trasfusionale non è attivo per gli utenti esterni. Abbiamo stimato che dovremmo completare le vaccinazioni dei pazienti fragili in circa due settimane".

I pazienti potranno quindi essere seguiti nella vaccinazione dagli specialisti che li hanno in cura e che prenderanno in carico tutte le loro necessità e bisogni di salute, garantendo consulenza e assistenza immediata in caso di necessità ma anche di dubbi, chiarimenti e informazioni, in modo da affrontare questa nuova fase della campagna vaccinale con un’informazione chiara, puntuale e tempestiva.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il virus è stato riscontrato in 4 Comuni. Tra i nuovi contagiati molti 40enni. Aumentano i ricoverati a "le Scotte"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità

Attualità