comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:53 METEO:SIENA9°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
sabato 23 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo scontro tra Gomez e Calenda a Piazzapulita: «Vuole insegnare il mestiere al Prof. Galli»

Attualità giovedì 23 aprile 2020 ore 11:17

Dal Covid aritmie cardiache potenzialmente mortali

I professori Capecchi e Lazzerini

Lo rivela uno studio portato a termine dall'Aou Senese, pubblicato dalla rivista scientifica Circulation. Le parole del professor Capecchi



SIENA — I pazienti con infezione da coronavirus sono esposti ad un aumentato rischio di sviluppare aritmie cardiache. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica americana Circulation a firma del professor Pier Leopoldo Capecchi, direttore UOC Medicina Interna e dell’Urgenza insieme al professor Pietro Enea Lazzerini, in collaborazione tra l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese ed un gruppo di ricerca della New York University

"I pazienti con infezione da coronavirus – ha spiegato il professor Capecchi - sono esposti ad un aumentato rischio di sviluppare aritmie cardiache potenzialmente mortali. Attualmente si ritiene che ciò sia in parte legato ad un danno miocardico da invasione diretta virale e dalla scadente ossigenazione dovuta all’interessamento polmonare, ed in parte all’utilizzo di alcuni farmaci con azione antivirale che interferiscono con l’attività elettrica del cuore".

"In collaborazione con un gruppo di ricerca della New York University – ha proseguito il professor Lazzerini - abbiamo documentato il ruolo dell’infiammazione nel promuovere il rischio aritmico, sia agendo direttamente sulla attività elettrica del cuore, sia indirettamente potenziando l’effetto di farmaci, alcuni dei quali utilizzati nel trattamento dell’infezione da coronavirus, anch’essi in grado di favorire l’insorgenza di aritmie". 

"Dal momento che l’infezione grave da coronavirus è caratterizzata da una vera e propria “tempesta infiammatoria” – queste le conclusioni del dottor Capecchi - abbiamo suggerito di considerare lo stato infiammatorio di per sé come un fattore aggiuntivo di rischio aritmico nei pazienti affetti da infezione da coronavirus e di valorizzare, in tal senso, il potenziale effetto protettivo svolto da farmaci in grado di bloccare specifiche molecole infiammatorie".

Aritmie cardiache e Covid19, studio in collaborazione tra Siena e New York pubblicato su Circulation


Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità