Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:15 METEO:SIENA12°26°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Auto su asilo a l'Aquila, i funerali di Tommaso: un lungo applauso e palloncini bianchi e azzurri

Attualità martedì 18 gennaio 2022 ore 18:12

I positivi asintomatici si cureranno in Provincia

Reparti ad hoc per i ricoverati con altre patologie nei nosocomi di Campostaggia e Nottola per alleggerire il carico su Siena



SIENA — Nuovi posti letto per i pazienti positivi al Covid asintomatici, che necessitano di cure ospedaliere per altre patologie, e ampliamento della rete di cure intermedie. 

Con la delibera “Modifiche organizzative temporanee nella rete ospedaliera legate all’emergenza Covid”, il direttore generale dell’Azienda Usl Toscana sud est, Antonio D’Urso, ha accolto la proposta di Massimo Forti, direttore della rete ospedaliera, e predisposto alcuni interventi per rispondere al nuovo quadro epidemico dettato dalla variante Omicron, con una maggiore contagiosità e la presenza di molti casi positivi asintomatici anche grazie all’elevato tasso di copertura vaccinale.

La presenza di un numero significativo di persone che sono risultate positive al momento del ricovero per altre patologie ne ha determinato fin qui il trasferimento negli ospedali di riferimento provinciale: San Donato ad Arezzo, Misericordia a Grosseto, Santa Maria alle Scotte a Siena. Una situazione che ha determinato un sovraccarico di queste strutture.

L’Asl ha deciso di rimodulare la propria offerta di posti anche in altri presìdi, sono quindi attivati, in via sperimentale, percorsi specifici di degenza ordinaria a media complessità per la gestione di tali pazienti nelle seguenti strutture ospedaliere: a Campostaggia, fino a 18 posti letto, a Nottola fino a 12 posti letto, In caso di presenza di sintomatologia Covid, i pazienti saranno comunque trasferiti negli hub provinciali di riferimento.

"L’Asl Toscana sud est ha deciso di compiere uno sforzo organizzativo e gestionale importante - afferma il direttore generale Antonio D’Urso - per ampliare il proprio contributo di fronte alle nuove sfide poste dalla pandemia e in particolare dall’elevata diffusione della variante Omicron. Oltre all’incremento di posti per le cure intermedie, tre strutture ospedaliere sono direttamente coinvolte per attivare percorsi dedicati a quei pazienti positivi al Covid ma asintomatici, che si trovano nelle strutture dell’Area vasta per sottoporsi a cure di altro tipo. Contiamo in questo modo di contribuire a dare una risposta di sistema efficace e in grado di fronteggiare i numeri in crescita che si sono registrati nell’ultimo periodo".

Una modifica che permette di alleggerire i reparti Covid delle "Scotte" che ad oggi hanno 98 persone ricoverate, permettendo di concentrare le cure solo sui pazienti con sintomi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nel Chianti nel Comune di Radda. Il ferito, un 57enne, ricoverato in gravi condizioni a Siena
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità