comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:29 METEO:SIENA9°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
giovedì 28 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lady Mastella e la lite con gli Europeisti: «Ecco perché me ne sono andata»

Sport domenica 30 giugno 2019 ore 12:16

La Mens Sana iscriverà una squadra Senior

Antonio Saccone

Ci sarà il basket al PalaEstra anche il prossimo anno. Ripartenza dalle serie più basse dei Dilettanti. Progetto aperto a ogni contributo



SIENA — Fuori dai fragori mediatici, a Siena per qualche giorno ancora a totale appannaggio del Palio di Provenzano, la pianificazione del basket scandisce i propri tempi.

Fa eccezione solo la morente Mens Sana Basket 1871 SSD a RL la cui storia recente continua ad essere caratterizzata da punti sospensivi. In attesa di conoscere l’esito della sua richiesta di concordato in bianco al giudice fallimentare del Tribunale di Siena, incassa il parere sfavorevole del Coni sulla sua esclusione dal campionato di A2 e si ritrova con poco più di una settimana per versare i rimanenti diritti federali – e soprattutto l’intero
saldo ai tesserati a cominciare da coloro che non hanno trovato capienza nella fideiussione -, tra cui sembrerebbe da ricomprendere l’ammenda da 30mila euro, irrogata al Presidente Macchi, pena la radiazione dal basket italiano.

Difficile che in pendenza del giudizio sul concordato in bianco e quindi dell’ingresso in campo del presunto imprenditore estero che avrebbe manifestato l’intenzione di rilevare le partecipazioni del socio di maggioranza rappresentato dalla Famiglia Macchi, si possa dare per conclusa questa soddisfazione delle pretese della Fip che comunque farebbero
conservare alla Msb 1871 la spiacevole eredità di iniziare un campionato con un numero di punti di penalizzazione veramente elevato.

Punti sospensivi che caratterizzano anche il Fondo Inglese. Messosi all’attenzione dei media, senza un pre-accordo con la Polisportiva Mens Sana per i terreni dell’area PalaEstra, e senza un solido apporto da parte dell’Amministrazione civica, non ha mai rinunciato ad un atteggiamento quasi intimidatorio verso la stessa Polisportiva che sarebbe stata costretta – a parere del Fondo – ad accettare la prima proposta, o le successive
“migliorative”, in ragione dell’impossibilità a far fronte economicamente ai costi per garantire in futuro l’agibilità delle sue vetuste strutture. De gustibus non disputandum è il detto, pur non trattandosi degli asparagi di Cesare; e per il Fondo dell’architetto Bulla ora si tratta di svanire dagli affari senesi o viceversa annunciare che il titolo di serie B l’ha veramente acquisito – oggi il termine ultimo - e che gli sportivi senesi hanno l’ennesimo ultimatum per accettare quell’ingresso estremamente impattante a livello di infrastrutture che il Fondo mette a presupposto della redditività del proprio investimento.

Nei fatti l’accerchiamento della Polisportiva, più volte tentato, mai si è concluso e alla lunga l’Istituzione del presidente Saccone ha ritrovato anche un feeling con l’Amministrazione civica che l’ha spinta ad annunciare – e questo è l’unico fatto nuovo e certo – che il prossimo anno si iscriverà anche a un campionato senior.

Ridondante, ma comprensibile il comunicato rilasciato dal PalaEstra. “Siamo disponibili – dice la nota della giunta direttiva della Polisportiva Mens Sana 1871, dopo l’ultima riunione che si è tenuta a margine dell’assemblea dei soci – a creare i presupposti per una prima squadra, anche alla luce dei recenti incontri avuti con l’amministrazione comunale. Un progetto che possa dare continuità al lavoro già portato avanti con il settore giovanile,
grazie al recente accordo, che si basa sull’utilizzo della nostra affiliazione Mens Sana Academy. Per completare il percorso, infatti, riteniamo sia necessario anche pensare a una prima squadra che sia, al di là della categoria, punto di riferimento tecnico di tutta la sezione e funzioni come potenziale sbocco per tutte le giovanili”.

“Pensiamo a un modello sostenibile dal punto di vita economico e finanziario, elemento peculiare di tutte le altre nostre sezioni – specifica la nota – che possa garantire la sopravvivenza del basket a Siena. Viviamo un momento di stallo per quanto riguarda la pallacanestro biancoverde per le note vicende, ma i tempi sono stretti e non possiamo permetterci di non gettare le basi per garantire un futuro a quella che è una esperienza
storica per la nostra città e per la nostra società. Questo al di là della categoria a cui verrà iscritta la prima squadra, argomento che dovrà essere oggetto di valutazione assieme alla Federazione”.

“Siamo pronti – conclude la Polisportiva – a dialogare con chiunque voglia contribuire fattivamente a questo tipo di progetto, che è teso unicamente a dare continuità storica al basket e creare, come detto, un punto di riferimento per il settore giovanile. La Polisportiva è del resto diretta discendente di Ida Pesciolini, colei che nel 1907 importò per la prima volta la ‘palla al cerchio’ in Italia. Dobbiamo gettare le basi, tutti assieme, per un progetto solido”.

In sintesi. Ci sarà una Mens Sana che affronterà un prossimo campionato senior. Questo campionato sarà ad iscrizione gratuita, quindi se non interverranno aiuti organizzativi e sostegni esterni, si ripartirà con i giovani dell’Under 20 molto dal basso, probabilmente dalla Promozione. Il fatto decisivo è che la Polisportiva – fatta eccezione per la Mens sana
Basket 1871 SSD a RL – è l’unico sodalizio capace di dare questo nome alla squadra. La Polisportiva - storicizzata la ripartenza di quattro anni fa negli errori commessi – rifugge ad ogni buonismo. Ciò non toglie che fintanto la squadra di ex giovani si dibatterà nelle categorie più basse, non sia possibile creare i presupposti economici e sociali di un soggetto che ne rilevi la gestione e sviluppi il progetto di una nuova Mens Sana, così come avvenuto a Treviso. Unico fatto certo è che la Polisportiva si sia posta come epicentro di ogni bivio futuro.

Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità