Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:29 METEO:SIENA17°33°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Autocisterna a fuoco sulla A1, autostrada chiusa e coda di 10 chilometri

Attualità giovedì 06 maggio 2021 ore 16:07

Prenotazione libera professione, è caos

Assemblea domani pomeriggio per i dipendenti che si occupano del servizio. Il loro futuro è incerto dopo la nuova gara d'appalto



SIENA — I dipendenti del servizio di prenotazione della libera professione di Siena e provincia sono in stato di agitazione e si riuniranno in assemblea dopo le mancate garanzie sul futuro. 

E’ stata convocata per domani, venerdì 7 maggio dalle 14 alle 20, l’assemblea di tutte le lavoratrici. Per questo motivo, il servizio non sarà garantito. Sono circa 15 le donne coinvolte a Siena e provincia, così distribuite: 8 nell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, 3 in Valdichiana, 3 in Valdelsa, 1 a Ruffolo.

Fisascat Cisl di Siena sottolinea che le lavoratrici sono in stato di agitazione da alcuni giorni in quanto le società di cui sono attualmente dipendenti hanno perso la gara di appalto del servizio e sono in attesa di sapere, dalla Regione Toscana e dal Consorzio che si è aggiudicato l’appalto, quale sarà il loro futuro.

"Abbiamo convocato l’assemblea perché entro il 15 giugno le dipendenti dovrebbero cambiare datore di lavoro ma ad oggi non sono state date garanzie, né occupazionali né economiche e questo le costringe ad alzare la voce per chiedere il rispetto del proprio lavoro e della loro dignità – spiega Gianfranco Mazza della Fisascat Cisl di Siena - Purtroppo ad oggi, la richiesta di incontro inviata alla Regione Toscana, dove si chiede l'impegno a garantire sia i livelli occupazionali che le condizioni contrattuali ed economiche non ha ricevuto risposte". 

Il sindacato ha anche inviato una lettere all’assessore alla salute della Regione Toscana Simone Bezzini "per sensibilizzarlo, visto che viene dal nostro territorio e proprio su Siena risulta esserci la situazione più critica nel futuro cambio appalto, nonostante anche i solleciti telefonici seguenti nessuna risposta è arrivata da lui. Unica eccezione in questa gara del silenzio - prosegue Mazza - è l'assessore alla Sanità del Comune di Siena, Francesca Appolloni, che ha accettato l'invito a partecipare all'iniziativa organizzata nella sede Cisl portando la sua voce ed attenzione a queste lavoratrici, cosa di cui ovviamente gli siamo grati".

"Come sindacato – spiega Fisascat Cisl di Siena - non possiamo accettare che la Regione Toscana ignori la richiesta di attenzione per il futuro di lavoratrici negli appalti, e quindi già precarie. Per altro rischiando di mettere in crisi un servizio che fino ad oggi è stato gestito nella massima efficienza. Chiediamo pertanto aiuto a tutti i cittadini senesi per sostenere i diritti di queste lavoratrici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 20 i casi di mutazione al virus riscontrati in tutta la Asl Toscana sud est. Ecco la situazione nel territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS