QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 15°22° 
Domani 13°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
lunedì 14 ottobre 2019

Attualità sabato 03 agosto 2019 ore 14:48

Un “Patto” per il turismo di qualità

Foto di: www.comune.siena.it

Sena Civitas si candida a “presenza insistente”. Intanto scatta il programma di “Calici di Stelle”



SIENA — Manca una settimana (10 agosto, notte di San Lorenzo, diacono e martire) a uno degli eventi più riusciti dell’estate senese: Calici di Stelle. Creato a Montalcino si è via via esteso ad altri siti, compresa Siena capoluogo, fino a divenire una sorta di appuntamento tradizionale dell’intera provincia. L’aspetto particolare di “Calici di Stelle” è rappresentato dalla sua semplicità e sostenibilità. Sorseggiare pregiati vini docg o Igt, tentando di indovinare il movimento di una stella cadente in un cielo terso, offre suggestioni incredibili. Su di esso si è investito solo in promozione – ma con continuità e per anni - ed ecco che una serata che potrebbe viversi a dimensione familiare diventa un evento internazionale.

Mettere in moto il cervello, pensare oltre la propria personale linea di vita o interesse, condividere con soggetti pubblici e privati quello che si vorrebbe realizzare è comunque viatico per creare qualcosa di importante. Lo sostiene la lista civica Sena Civitas che interviene sulla questione del turismo in decrescita con una propria presa di posizione che si conclude con l’offerta, d’ora in avanti, di proporsi come presenza insistente per far sì che cessino le improvvisazioni di manager gestionali, organizzativi e promozionali e si persegua con convinzione la via di un "Patto" per aprire le porte di Siena ad un turismo di qualità tra Associazioni, Comune, Enti per spalmare responsabilità, costi e organizzazione. Un Patto per rendere "La città partecipe del suo sviluppo".

“Non siamo interessati a trovare un responsabile sul mancato afflusso di turismo di qualità a Siena – dice Sena Civitas -, siamo interessati ad individuare un percorso per trovare una soluzione. Città d’arte vicine a noi lamentano il medesimo problema, ed è bene rendersi conto che lo sviluppo di un comparto così complesso come quello del turismo, si accompagna alla disponibilità di risorse e anche a un cambio di mentalità. Come Sena Civitas siamo contrari a una polemica di propaganda che si concentra su una Siena che non è più, e non sarà più. Il dato di analisi da cui partiamo è che qualcuno o qualcosa ha spinto una moltitudine di senesi a puntare e investire sullo sviluppo della ricettività negli anni passati e che ora ci sono imprese e posti di lavoro che meritano una tutela. Altro dato è che, pur se albergatori e ristoratori segnalano una decrescita, questo non sembra avvenuto per quanto riguarda il numero di accessi ai musei, oggi prevalentemente in mano a un unico gestore che brilla per le proprie capacità imprenditoriali, ma con il quale la città deve sviluppare un contratto più articolato che responsabilizzi questo soggetto in considerazione della dimensione che ha assunto su precise direttive di sviluppo cittadino. Ultimo dato che citiamo è che la nuova Amministrazione comunale non è stata né ferma né avara nell’ideazione di manifestazioni ed eventi, anche se purtroppo, forse anche per motivi contingenti, la pubblicizzazione dei medesimi non è riuscita a raggiungere centri di amplificazione e promozione a livello nazionale e internazionale”.

“Chi vuole essere dalla parte dei senesi e dello sviluppo della cultura e del turismo a Siena – continua la nota della Lista civica - deve puntare su quella visione prospettica, lunga due, quattro, cinque o forse ancor più anni, che in questo momento Siena non riesce a esprimere e condividere. Solo lo sviluppo di questa visione eviterà di pensare a eventi, basati solo sulla carenza di risorse presenti e il parto di iniziative volenterose, ma insufficienti nel prestigio a invertire la tendenza su cui oggi si è aperto il dibattito. Noi di Sena Civitas siamo favorevoli a un "Patto" per il futuro della città. Un Patto che deve necessariamente partire dal metodo del confronto politico e sociale e dalla consapevolezza diffusa che un tale lavoro supera i confini di un mandato amministrativo. Cultura e turismo, storia e futuro sono indissolubili nella nostra visione e il Patto va costruito partendo dalla condivisione di alcune linee strategiche fondamentali. Un turismo di qualità non può prescindere da cultura (Santa Maria e circuiti museali cittadini e degli altri comuni), musica (Chigiana, Siena Jazz ed eventi), studio (Università e Università per stranieri), wellness territoriale (Terme, sanità, buon cibo). Per avere dei primi risultati oggi non possiamo prescindere da "accordi con i grandi agenti del settore", consapevoli che alla finanza pubblica impegnabile, si dovranno aggiungere contributi dai privati, partendo da coloro che otterranno maggiori benefici se verranno contrattati con la controparte traguardi apprezzabili in posti letto e coperti serviti, ma la vera sfida dovrà essere sulla costruzione di una nuova imprenditorialità formata sulla consapevolezza del valore della comunicazione, del marketing, e della ricerca costante della qualità”.

Tornando a “Calici di Stelle”, l’Associazione Nazionale Città del Vino e il Movimento del Turismo del Vino che si sono offerti di coordinare le iniziative e ne hanno indette fino all’11 agosto in ben 22 siti toscani, tra cui quelli senesi in massima evidenza. Sono dodici: a Siena dalle 21 alle 24 del 10 agosto l’iniziativa sarà nei musei senesi; gastronomia, buon vino, folclore e cieli aperti saranno invece il fulcro degli eventi organizzati a Montalcino, Montepulciano, Celle sul Rigo, Poggibonsi, Rapolano, Castelnuovo Berardenga, Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Castiglion d’Orcia, San Casciano dei Bagni e San Gimignano“



Tag

Russia, Berlusconi: «Neanche Salvini ha tolto le sanzioni»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità