Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:SIENA13°22°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Cronaca martedì 31 gennaio 2023 ore 17:30

Dai video hot all'estorsione che corre sui social

I carabinieri dopo le denunce di alcuni valdelsani hanno scoperto due uomini dietro alle richieste di soldi partite da adescamenti di donne online



VALDELSA — Il fenomeno del sex extortion (estorsione a sfondo sessuale) riguarda ormai migliaia di utenti del web che si sono imbattuti in richieste di amicizia provenienti da presunte giovani e belle ragazze che al termine di conversazioni su video-chat via via più intime hanno richiesto il pagamento di somme di denaro con la minaccia di pubblicare i filmati sui profili social personali, di familiari o di amici delle vittime.

È quello che è accaduto ad alcuni cittadini valdelsani che, ripresi in atteggiamento intimo con la loro stessa webcam, si sono visti recapitare un messaggio minatorio con scritto, spiegano i carabinieri, “inviami 500 euro sulla carta prepagata che ti verrà indicata oppure il video verrà distribuito a tutti i tuoi contatti social”.

Il messaggio solitamente raggela le vittime che, per evitare la diffusione delle immagini, finiscono per pagare, convinte così di porre fine alla disavventura e di fermare definitivamente gli autori del reato. Invece no: spesso le vittime finiscono in una spirale di richieste estorsive cui si può porre fine soltanto attraverso la denuncia alle forze di polizia.

Sul fenomeno hanno svolto una articolata indagine anche i Carabinieri della Compagnia di Poggibonsi che, dopo la raccolta delle denunce di alcune vittime residenti nella Valdelsa senese, sono riusciti ad identificare i presunti autori delle estorsioni a sfondo sessuale: si tratta di due 25enni, entrambi stranieri, che dalla provincia di Milano operavano i ricatti in danno degli ignari “utenti”. I militari dell’Arma li hanno denunciati in stato di libertà per concorso in estorsione.

L'Arma fornisce un decalogo su come agire nel caso in cui si sia rimasti vittime del reato di sex extortion, il consiglio è di: non pagare la somma richiesta. Dopo il primo pagamento, infatti, seguono richieste, via via più esose; bloccare subito il contatto, sia sulla piattaforma social che sulla videochat; inoltrare, immediatamente, richiesta di rimozione del video ai gestori della piattaforma sulla quale è stato postato; sporgere denuncia alle forze di polizia.

Per prevenire, invece, si consiglia di: non concedere “amicizia” sui social network a persone che non sono conosciute anche nella vita reale. Concedere la propria amicizia sulla piattaforma significa, infatti, ammettere una persona estranea in uno spazio riservato e privilegiato, concedendole un enorme ed immotivato vantaggio qualora si tratti di un malintenzionato; non scambiare messaggi privati con utenti appena conosciuti e, men che meno, concedere di entrare, attraverso la webcam, nella propria casa e nella propria privacy; configurare le proprie pagine social in modo tale da renderle "invisibili" agli sconosciuti. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ciclista poggibonsese ha battuto Lorenzo Rota sulla prova in linea dei campionati italiani: quest'anno aveva già fatto sua la Milano-Torino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità