Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:29 METEO:SIENA17°33°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Autocisterna a fuoco sulla A1, autostrada chiusa e coda di 10 chilometri

Attualità lunedì 18 gennaio 2021 ore 16:36

Covid, partita la vaccinazione con Moderna

I primi destinatari sono gli operatori del 118. La somministrazione nella palazzina Lodoli ed interessa 330 persone divise in quattro sedute



SIENA — Iniziate, questa mattina, alla palazzina Lodoli nell’area dell’ex ospedale psichiatrico San Niccolò a Siena, le vaccinazioni degli operatori del 118 con il vaccino Moderna. La partenza è stata con gli esponenti delle associazioni di volontariato, ottanta le dosi odierne inoculate. In totale in questa prima fase è previsto l’utilizzo di 330 vaccini in quattro sedute, ad Arezzo saranno 390 e a Grosseto 360. I destinatari potenziali sono 2.140: 655 a Siena, 773 ad Arezzo, 712 a Grosseto.

“È una scelta della Regione Toscana che condividiamo – commenta il Direttore generale della Asl Toscana Sud Est Antonio D’Urso –. Gli operatori dell’emergenza e urgenza garantiscono un servizio essenziale e devono essere protetti e messi nelle migliori condizioni possibili per prestare la loro assistenza. La macchina delle vaccinazioni ha quindi da oggi un nuovo ingranaggio. Proseguono infatti le somministrazioni delle dosi di richiamo che sono iniziate ieri e andremo avanti con le prime. Contiamo di arrivare, appena il flusso di dei rifornimenti di dei vaccini lo consentirà, alla vaccinazione di massa”.

“Il Moderna – prosegue la Direttrice sanitaria della Asl Toscana Sud Est, Simona Dei – è il secondo tipo di vaccino che viene utilizzato nella nostra Azienda sanitaria. L’efficacia è considerata sostanzialmente identica e lo stesso vale per i possibili effetti collaterali. Entrambi hanno lo RNA messaggero quale componente principale e usano lo stesso meccanismo di azione. La principale differenza è quindi data dalle modalità di conservazione”.

Presenti all’avvio delle operazioni a Siena Roberto Turillazzi, direttore dello staff direzione sanitaria dell’Asl Tse, Giuseppe Panzardi, direttore della centrale operativa 118 di Siena-Grosseto e, in rappresentanza del mondo del volontariato, Andrea Nuti, coordinatore delle Pubbliche Assistenze Riunite della provincia di Siena, e Fabio Lusini, direttore delle Misericordie di Siena.

“Partiamo con una previsione di 330 dosi vaccinali per operatori del volontariato, medici e infermieri del 118 – ha aggiunto Turillazzi –, la programmazione è sempre legata all’arrivo e quindi disponibilità delle dosi. L’Asl è pronta a procedere in base alle forniture, altrimenti saranno rimodulati i calendari come avvenuto negli ultimi giorni”. Il dottor Panzardi ha sottolineato “il buon ritmo con cui stiamo procedendo per rispettare i tempi previsti”.

Il vaccino Moderna non necessita di temperature come quello di Pfizer che ha bisogno di frigoriferi capaci di arrivare a -75°. A questo secondo vaccino basta -20°. Infine, il Moderna viene somministrato in due dosi a distanza di 28 giorni l’una dall’altra. Nel caso di Pfizer, l’intervallo temporale è di 21 giorni. La loro protezione scatterà per Pfizer sette giorni dopo la somministrazione della seconda dose, per Moderna quattordici giorni dopo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 20 i casi di mutazione al virus riscontrati in tutta la Asl Toscana sud est. Ecco la situazione nel territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS