Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:SIENA14°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Cultura martedì 28 marzo 2023 ore 15:37

L'arte di Mondino arriva al Santa Maria

Dall'8 aprile apre la mostra con le invenzioni artistiche di un eclettico sperimentatore e viaggiator curioso. Una mostra visibile fino al 9 luglio



SIENA — Oltre trenta opere di uno dei protagonisti indiscussi nel panorama contemporaneo della sperimentazione artistica nazionale e internazionale. Il complesso museale Santa Maria della Scala dal prossimo 8 aprile ospita “Aldo Mondino. "Start. Un incessante inizio" a cura di Vittoria Coen. 

La mostra racconta l’incredibile ricerca artistica di Mondino che spazia attraverso l’uso di tecniche e materiali diversi, dai semi dei primi tappeti, ai lavori con lo zucchero e con il torrone, dal ferro al bronzo e alla ceramica, dal caramello al cioccolato, dal vetro all’eraclite, fino ad approdare alla pittura ad olio su linoleum. Un artista che attraversa il tempo e lo spazio in modo straordinariamente sorprendente, con uno sguardo aperto e curioso rivolto all’Oriente, al mondo arabo, al Nord Africa, all’India, alla tradizione ebraica. Compaiono sulla scena dervisci, sultani, rabbini, fino alle popolazioni di origine subsahariana.

La mostra si articola attraverso opere realizzate in un arco temporale compreso tra gli anni ottanta e i primi anni duemila, tra dipinti su linoleum e sculture di medie e grandi dimensioni provenienti da importanti collezioni pubbliche e private, in un percorso coinvolgente teso all’approfondimento di una visione simultanea dell’evoluzione poetica di questo grande artista. Particolarmente affascinante il tema arabo, nato alla metà degli anni Ottanta, che dà origine a figure che si muovono in uno spazio immaginario: donne algerine, ebrei di Costantina, mercanti, questi ultimi, raffigurati tra la seconda metà degli anni novanta e il 2001, visti in Marocco. Sono ritratti esotici di uomini in abiti tradizionali che espongono la loro merce, lana, mollette e souvenir vari, intensi fotogrammi che ci portano in un mondo e in abitudini di vita completamente diverse dalle nostre. I dervisci, invece, danzano in una preghiera collettiva che li porta a levitare nell’aria, in un abbraccio ideale avvolto dalla spiritualità, accanto ai rabbini, i maestri, i saggi, che tanto hanno affascinato l’artista.

La mostra, allestita negli spazi del VI livello di Palazzo Squarcialupi, è organizzata dalla Fondazione Antico Ospedale Santa Maria della Scala in collaborazione con l'Archivio Aldo Mondino ed è realizzata grazie al contributo di Ars Movendi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'obiettivo è rendere gli alloggi Erp inutilizzati di nuovo assegnabili, rimettendo a disposizione di chi è in attesa circa 500 abitazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Attualità