QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi -8°3° 
Domani 4° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
lunedì 17 dicembre 2018

Attualità giovedì 29 settembre 2016 ore 19:00

Buona e cattiva comunicazione a confronto

Il convegno organizzato dal Corecom all'interno del palazzo pubblico di Siena. Presente anche il sottosegretario allo Sviluppo economico Giacomelli



SIENA — Dopo i saluti da parte del sindaco e del presidente del Corecom Sandro Vannini e del presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani gli argomenti d'interesse maggiore hanno riguardato il modo con cui sta cambiando l'informazione.

Di conseguenza come cambia il ruolo dei giornalisti - presenti in gran numero all'iniziativa - ma anche il ruolo degli organi di controllo delle informazioni.

Il web ha sicuramente modificato questo sistema. I social network rappresentano la piattaforma e la forma su cui le notizie vengono reperite con maggiore velocità.

Questo rappresenta di fatto un aspetto su cui porre grande attenzione e controllo perchè quai più nessuno verifica la fonte delle informazioni e la loro veridicità.

Altro tema molto approfondito dal Corecom il rapporto tra internet e minori con i casi di cyberbullismo che sempre più sono alle cronache di oggi.

“I cosiddetti nativi digitali, - ha dichiarato il presidente Giani- le fasce di utenti più giovani, hanno una dimestichezza con i nuovi media ed i social network che è sorprendente, per noi quasi incomprensibile. Questo, purtroppo, non elimina il rischio per i ragazzini e le ragazzine. Il cyberbullismo e la pedopornografia sono sempre in agguato. Lodevole è in questo senso l'azione del Corecom, che da anni attua programmi per tutelare i minori da un uso distorto del web. Noi, come Consiglio regionale, vigiliamo sulle attività del Corecom, ma al tempo stesso condividiamo con questo organismo e la Polizia postale le azioni che svolgono e siamo disponibili a promuovere politiche e programmi volti al sostegno dei programmi di tutela”.

“Così come c'erano gli effetti del buono o del cattivo governo, oggi ci sono quelli della buona e della cattiva comunicazione", ha affermato il presidente del Corecom, Sandro Vannini.

 “Il nostro Corecom è protagonista a livello nazionale. Abbiamo realizzato il vademecum Internet@minori@adulti e realizzato sedici azioni di media education in altrettanti istituti scolastici della Toscana, interfacciandosi con quasi duemila famiglie. Inoltre è sorto a Firenze il Centro nazionale di formazione rivolto agli insegnanti, promosso oltre che dal Corecom, dall’Agcom, dall’Istituto degli Innocenti e dal Coordinamento nazionale dei Corecom. Un’attività, questa, sicuramente di buona comunicazione, in un settore, quello della prevenzione informatica, particolarmente attuale e che è al centro delle preoccupazioni familiari e che non cesserà di esserlo nei prossimi anni e rappresenterà un filiera di grande centralità nel nostro futuro”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Lavoro

Cronaca

Attualità