QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 17°32° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
domenica 15 settembre 2019

Politica lunedì 03 luglio 2017 ore 16:45

Gestione della mossa del Palio tutto sbagliato

Con un comunicato stampa il gruppo politico Nero su Bianco esprime il dissenso sulla gestione dei tempi della mossa durante il Palio di Provenzano



SIENA — "La mossa, lo sappiamo, è la fase più delicata e più complessa del Palio -scrivono i membri di Nero su Bianco-  ma mai avremmo voluto assistere a una sostanziale assenza del primo cittadino nel gestire una così evidente criticità che si è creata domenica sera. Una situazione che ha rischiato di causare pericolo per le persone (nel primo Palio all’insegna della massima sicurezza) e per gli animali, tenuti a scalpitare quasi due ore sul tufo e poi costretti a correre, dopo l’esonero della Tartuca, quasi al buio.

Valentini che, come sappiamo, vuol gestire in prima persona le cose, anziché avvalersi di collaboratori esperti, ha dimostrato di non essere all’altezza nel gestire una criticità, le criticità peraltro nel Palio sono frequenti, che ha tenuto la nostra festa in standby per un tempo esageratamente lungo. Che il Palio non è nel DNA di Valentini lo abbiamo conosciuto con il ribattezzare termini ormai tramandati da secoli. Questa volta però non ci possiamo limitare a sorridere per lo storpiare un termine paliesco, ma dobbiamo condannare un comportamento che ha messo a serio rischio il delicato equilibrio con cui si porta avanti questa tradizione e che chi ama il Palio conosce benissimo. E questo non può essere che stigmatizzato.

I senesi che attribuiscono, come d’altronde oggi va di moda, alla politica tutte le responsabilità delle cose che non funzionano, traggano le loro considerazioni. Il Palio non è tutto per la nostra collettività, ma certamente un pezzo importante della nostra esistenza senese e non può essere lasciato in mano a dilettanti extemporanei.

Già le decisioni legate alla sicurezza hanno modificato certe tradizioni che costituiscono un precedente non facile da riassorbire o riportare all’originario stato quando cesserà l’allarme terrorismo. Ma almeno nella gestione ci aspetteremmo un polso più deciso e autorevole da parte del sindaco che, non ci dimentichiamo, è arbitro indiscusso della festa". 



Tag

Ocean Viking, Salvini: "Con Conte Italia campo profughi d'Europa"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Attualità