QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SIENA
Oggi 19°20° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
mercoledì 18 settembre 2019

PALIO venerdì 16 agosto 2019 ore 20:01

La Selva vince con il cavallo scosso

Stupenda corsa del Bruco beffato per pochi centimetri. Oca protagonista ai canapi



SIENA — Incredibile a Siena. Un altro Palio vissuto al fotofinish con i contradaioli del Bruco inizialmente presentatisi sotto il palco dei giudici per una presunta ma meritatissima vittoria (come in occasione del Palio della Pace) e la banderuola della gioia che si sposta poco dopo a vantaggio di quelli della Selva che vengono ufficializzati come vittoriosi e ricevono il drappellone di Milo Manara. Per Tittia è la seconda vittoria dell’anno, per il cavallo Remorex è la seconda vittoria da scosso. Entrambi da leggenda.

C’è voluta quasi un’ora per partire con sette entrate e uscite dal canape e un abbassamento annullato per evitare la caduta della Torre. Il mossiere Ambrosione, appena ricevuta la busta, sciorina velocemente l’ordine che è quasi beffardo. Tutte le favorite ai posti bassi e Torre isolata dalle due avversarie che l’avevano a lungo cercata anche tra i canapi durante le prove. Insomma: Istrice agli steccati, Drago, Torre, Selva, Bruco, Chiocciola, Onda, Aquila, Oca e Pantera di rincorsa.

A rendere tutto complicato, quasi impossibile, ci pensa l’Oca. Dal nono posto si porta sistematicamente accanto alla Torre – e velocemente perché non è sicura che la Pantera non entri di infilata-, osteggiandola tra i canapi. Lo fa senza alcun rispetto dei richiami del mossiere che emette in successione due avvertimenti e quattro richiami, poi Ambrosione ci rinuncia a farne altri, tanto l’evidenza avanza per quella che sarà la giustizia paliesca. La Piazza si indigna anche perché non è solo la Torre la danneggiata, ma finiscono per rovinarsi le buone chance di partenza anche l’Istrice e il Drago che avevano ottimi posti, oltre la stessa Selva che risulterà molto attardata quando ci sarà l’abbassamento decisivo.

A canape abbassato, Drago, Selva, Oca e Istrice sono sul secondo canape, Bruco, Chiocciola, Onda e Aquila sono le più pronte a mettersi in azione. Oltre la Fonte, Bruco e Onda sono in testa, Aquila e Chiocciola gli sono dietro, Selva e Torre si contendono la via più corta degli sprangati. Seguono Pantera, Drago, Oca e Istrice. Tutto è in gioco. All’entrata a San Martino c’è l’Onda in testa, il Bruco che la segue, Torre e Aquila sono terze affiancate, Selva e Chiocciola gli sono dietro. Il “viottolo di Beppe” lo prendono Bruco e Selva e al primo Casato il Bruco è già in testa, l’Onda gli è dietro, la Selva è terza, poi Torre (che sta per inciampare ed uscire di scena), Aquila, Chiocciola e Pantera.

A inizio secondo giro, Brio nel Bruco e Tittia nella Selva (che supera l’Onda), sono quelli che stanno facendo le cose migliori, ma al secondo San Martino Tittia chiede troppo a se stesso, alle traiettorie e al proprio cavallo e tocca gli steccati, cadendo prima dei materassi. Il Bruco è solo con lo scosso Remorex della Selva un po’ inebetito e Onda e Aquila che si rifanno sotto. Le posizioni non cambiano fino al terzo San Martino con il Bruco che ormai assapora la vittoria, lo scosso che gli è dietro agli steccati, Onda e Aquila che in uscita invertono la posizione. Al Terzo Casato, Brio deve fare una scelta o para l’Aquila che gli sta per entrare da dentro o nerba lo scosso della Selva per ricacciarlo indietro: opta per la prima soluzione e gli è fatale, nei pochi metri che rimangono il Bruco va verso il terzo bandierino e alza anche il nerbo in segno di vittoria, ma lo scosso della Selva gli è di pochissimi centimetri avanti. E poco dopo i giudici della vincita, concentrati sul “mirino” confermano al sindaco che è la bandiera della Selva che va esposta al centro delle trifore.

Palio corso benissimo da molti fantini che proclama però Remorex indiscusso protagonista. Per la seconda volta vincitore.



Tag

Scissione PD, le risate di Di Pietro: "Non sapevo nulla"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità