Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:SIENA20°  QuiNews.net
Qui News siena, Cronaca, Sport, Notizie Locali siena
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 13 settembre 2021 ore 19:54

Siena Jazz, Caroni ritira le dimissioni

Franco Caroni, direttore artistico Siena Jazz

Il direttore artistico resta in sella fino a conclusione del mandato. L'Associazione diventa Fondazione. Ecco le novità



SIENA — Franco Caroni ritira le sue dimissioni e resta in sella a Siena Jazz fino a conclusione del suo mandato.

E' lo stesso direttore artistico a dare la notizia.

Tanti i motivi che hanno portato al riavvicinamento di Caroni verso l'Istituzione che ha creato e contribuito a lanciare nel mondo. Tra queste anche i tanti attestati di stima ricevuti e la petizione che ha portato alla raccolta di ben 5.150 firme.

"Ringrazio di cuore anche i numerosi interventi di autorevoli musicisti nazionali e internazionali, così come le tantissime persone che hanno voluto con le loro firme dare a Siena jazz il loro appoggio - afferma Caroni.

Che dire, sono stato ampiamente ripagato dal vostro sostegno, dal vostro calore, dal vostro apprezzamento per il lavoro svolto da Siena Jazz a favore dell’evoluzione della musica jazz in Italia e non solo.

Ho sentito il vostro calore e non mi sono sentito solo, una sensazione bellissima che non dimenticherò mai e che mi accompagnerà per tutta la vita. Ancora una volta Grazie".

Poi il direttore artistico entra nel vivo della vicenda e sottolinea come i dissapori con l'Amministrazione comunale e con i vertici di Siena Jazz, che avevano portato alla rottura di alcuni mesi fa, stiano rientrando.

"Come vi ho detto le incomprensioni e gli equivoci si stanno chiarendo in questi giorni e addirittura con il Comune si è trovato il tempo di elaborare una soluzione per rilanciare Siena Jazz.

Dopo alcune riunioni costruttive, in cui sono avvenuti i chiarimenti necessari, il Comune ha confermato l’interesse a continuare a svolgere il suo ruolo di Socio fondatore di maggioranza dell’istituzione, ed è stata effettuata l’Assemblea straordinaria fra i tre soci fondatori di Siena jazz, il Comune di Siena, l’Associazione Jazzistica Senese e la Provincia di Siena.

La riunione si è svolta in un ambiente molto collaborativo che ha portato subito all’individuazione della volontà comune di rilanciare Siena Jazz a livello nazionale e internazionale, trasformando, tramite la legge della Trasformazione eterogenea, la nostra istituzione da Associazione a Fondazione di partecipazione.

Per Siena Jazz si aprono pertanto ottime prospettive di rinnovati rapporti internazionali, di progetti nazionali ed europei con il supporto dei ministeri competenti e la collaborazione dell’Unione Europea.

Con il Comune e gli altri soci fondatori adesso inizieremo a lavorare velocemente per conferire a Siena Jazz una forma istituzionale più consona all’importanza e al ruolo internazionale che merita.

I rapporti mondiali, che intratteniamo da tempo con le istituzioni musicali più importanti del settore, avevano bisogno di una governance più consapevole del ruolo che Siena Jazz ha rivestito e riveste a livello nazionale e internazionale. Il futuro? Lavorare per la formazione di un consiglio d’amministrazione formato da amministratori chiamati a contribuire con una visione imprenditoriale evoluta. La Fondazione rappresenta quindi il vestito adatto per presentarsi alle istituzioni musicali mondiali e dato che la sostanza didattica ci veniva già riconosciuta da anni adesso quello che ci mancava era una forma istituzionale idonea".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il virus è stato riscontrato in 4 Comuni. Tra i nuovi contagiati molti 40enni. Aumentano i ricoverati a "le Scotte"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità

Attualità